JoomlaLock.com All4Share.net

INNOVAZIONI & BREVETTI

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie "tecnici"?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie "tecnici"?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell'8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie "di profilazione"?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie "tecnici" o di "profilazione".

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l'informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell'utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l'informativa semplificata e richiedere il consenso all'uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l'informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l'utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa "breve", la richiesta di consenso all'uso dei cookie e un link per accedere ad un'informativa più "estesa". In questa pagina, l'utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l'utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell'utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente.

Deve contenere il link all'informativa estesa e l'indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l'utente sceglie di proseguire "saltando" il banner, acconsente all'uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l'acquisizione del consenso effettuata tramite l'uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale "documentazione", non è necessario che l'informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell'utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest'ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all'informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all'uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l'uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L'obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l'informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l'inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l'informativa "estesa"?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all'utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l'installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l'utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l'informativa e a richiedere il consenso per l'uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell'informativa "estesa" i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L'uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all'obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell'8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

L'IDEA

DA NUOVE IDEE, SOLUZIONI REALI ED EFFICACI

Idea Saicozero
Un sistema di verniciatura all’avanguardia, realizzato su licenza dei brevetti di PIERANGELO GHILARDI, che riduce drasticamente, ed in alcuni casi elimina, le emissioni in atmosfera di agenti inquinanti.
SAICOZERO ZONE garantisce una riduzione sostanziale del consumo di energia durante VERNICIATURA ED ESSICAZIONE, offrendo allo stesso tempo il massimo grado di comfort possibile per l’operatore ed una finitura superiore degli oggetti dipinti.
PRATICAMENTE ZERO EMISSIONI

ALTISSIMO COMFORT
FINITURE SUPERIORI
MINIMO CONSUMO DI ENERGIA durante verniciatura ed essiccazione

SAICOZERO ZONE ha cambiato l’approccio all’organizzazione dell’attività di carrozzeria: questo sistema funziona come una zona di preparazione o una cabina, ma può essere configurato come un’unica zona operativa (SAICOZERO TM) ove è possibile effettuare la preparazione, la verniciatura e l’essiccazione della vettura, annullando tutti gli spostamenti del mezzo all’interno della carrozzeria, con evidente vantaggio per l’operatività, l’efficienza aziendale, il comfort ed il benessere dell’operatore.

FINITURE SUPERIORI


Superior finish SaicoZeroLa filtrazione rigenerativa delle SAICOZERO ZONE generano un ambiente ottimale per un lavoro pulito e accrescendo in modo esponenziale la possibilità di non dover lucidare il veicolo successivamente alle operazioni di verniciatura: una fase di lavoro meno che genera ulteriore risparmio.

SPAZI TECNICI OTTIMIZATI


Optimised technical spaceLo spazio tecnico necessario per l’installazione di una cabina o zona di verniciatura ha sempre occupato una area molto ampia, che viene sottratta alla normale attività produttiva e richiede importanti opere murarie o strutturali per la sua installazione all’esterno del posto di lavoro.
Il Rigeneratore SAICOZERO risolve questo problema richiedendo IN TOTALE SOLO 70 cm di profondità oltre allo spazio utile.

RISPARMIO ENERGETICO

L’aspetto peculiare di questa soluzione tecnologica consiste nella funzione del gruppo filtrante rigenerativo che agisce anche da MASSA TERMICA, permettendo il recupero quasi totale del contenuto entalpico dell’aria: infatti viene immessa in cabina una massa d’aria con temperatura estremamente prossima al set-point di temperatura desiderata, cosicché l’assorbimento energetico per il riscaldamento serve solo a compensare la perdita di calore avvenuta attraverso il passaggio nella diffusione.
In questo modo vengono sfruttate al massimo le caratteristiche ISOTERMICHE ed ESOTERMICHE del sistema e ottimizzato il trasferimento di calore all’ambiente, ottenendo una sostanziale riduzione di consumi energetici, SIA IN VERNICIATURA, SIA IN ESSICCAZIONE:
- Con soli 25 A, è possibile avere 32.000 m3 (20,000 Cfm)/h di aria circolante
- Con soli 30,000 (120,000 Btu) Kcal, è possibile raggiungere in poco tempo 70° C (160° F) sull’oggetto verniciato.

FILTRAZIONE RIGENERATIVA A QUATTRO STADI AD ALTA DURATA E DI FACILE MANUTENZIONE

L’aria circolante viene depurata passando attraverso una unità filtrante a bagno d’olio che ne abbatte sia le polveri sottili, sia i composti chimici presenti in soluzione e li concentra in soluzione solida di facile smaltimento.

Multi-layers filters

 
Struttura Fibra di vetro
Spessore mm 60
Efficienza ponderale 92 %
Perdita di carico iniziale Pa 33
Perdita di carico finale Pa 150
Temperatura massima 150° C
Classificazione al fuoco F1
Accumulo massimo unitario filtri sottogriglia g/m2 3.400 ca.
Accumulo massimo totale filtri sottogriglia g 32.300 ca.

Filtri ad alta efficienza in fibra poliestere trattata

Classe F5
Spessore 25 mm
Grammatura 660 g/m²
Finitura lato uscita aria velo, maglia rete di vetro, trattati con gel adesivo

Filtri rigenerativi a soluzione oleosa


Filtri alveolari, spessore 100 mm, costantemente umidificati con soluzione oleosa inodore ed atossica, che trattiene tutte le sostanze inquinanti e purifica l’aria al suo passaggio.

Scheda tecnica soluzione oleosa:
Composizione: olio minerale
Colore: Trasparente
Odore: Inodore

Identificazione dei pericoli: il preparato non contiene sostanze pericolose. Nessun pericolo è riscontrabile nel normale utilizzo.
Informazione tossicologica: il preparato non contiene alcun componente appartenente a categorie a rischio indicate dalla CEE.
Smaltimento: non disperdere nell'ambiente.Recuperare insieme agli oli minerali atossici, secondo le normative vigenti.

FILTRAZIONE DELLA SOLUZIONE OLEOSA


Uno speciale filtro in acciaio con filtrazione rete poliestere a maglia maggiore di 130µ pulisce in continuazione la soluzione oleosa, raccogliendo i contaminanti in un apposito contenitore che può comodamente essere svuotato e riutilizzato.
Il contenuto degli scarti della soluzione oleosa deve essere smaltito con i filtri paintstop, secondo le normative vigenti.

Chi siamo

Contatti

Innovazioni & Brevetti

Comparazioni

Industria & Aerospaziale

Honey badger don't care!